Ti trovi in:

Home » Territorio » Il paese di Caldonazzo » Caldonazzo in breve

Menu di navigazione

Territorio

Caldonazzo in breve

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Mercoledì, 17 Dicembre 2014
Caldonazzo e il lago

Il toponimo verrebbe fatto derivare, nel significato di « abitazione fortificata », da « Cal(o) = abitazione » e « Don(u) = fortificata ». Il suffisso « aco » sarebbe celtico, quindi latinizzato in « Atium », poi divenuto « Azo ». Accanto a questa teoria riportata da Luciano Brida, tuttavia, altri attribuiscono al toponimo significato diverso, come quello di « terreno sabbioso», anche questo di origine celtica. Dai tedeschi già all'inizio del XV secolo il paese fu chiamato « Caldinetsch ».

Caldonazzo è circondato dai colli di Brenta, dal monte delle Rive (dietro il quale spunta il Becco di Filadonna), dal monte Cimone, dal Pizzo di Levico, dal Mandriolo. A pochi minuti dal paese, sul monte delle Rive, esistono ancora i ruderi della torre dei Sicconi, da dove si possono ammirare le valli del Centa e del Brenta e, lontano, l'altipiano di Piné.

In cima al monte, in località Xomi, si spazia sulla conca di Vigolo Vattaro.

Sulle Rive, come sul colle di Tenna, crescevano un tempo le querce in folti boschi. A est del paese nascono ancora pioppi e ontani, mentre sul monte e su tutto il versante di Castagnè si sviluppano boschi di castagni. Quindi é di casa il pino fino a 1000 metri, il faggio fino a 1200, poi larici e abeti.

Il paese è adagiato nella piana alluvionale del Centa, all'estremità meridionale del lago. Una campagna squadrata con ampi frutteti fa corona al paese, che ha ceduto alle lusinghe di un'espansione edilizia fiorita di pari passo con lo sviluppo dell'attività balneare. Fra Il lago e la campagna, rotta dalla panoramica della Valsugana e dalla ferrovia che lascia l'abitato a distanza, la zona residenziale di Caldonazzo ha trovato recente respiro tanto da saldare quasi, in un'ariosa periferia, il paese al litorale.

Chiuso alle spalle dal monte delle Rive, Caldonazzo offre uscite panoramiche verso Monterovere, verso la valletta del Centa e l'altipiano di Lavarone, verso la collina di Brenta, Levico, la Valsugana e le piste invernali della Panarotta e verso Calceranica, dalla quale dista un paio di chilometri. La vicina Vigolana e lo stesso monte delle Rive offrono ricche possibilitâ di escursioni e di amene passeggiate. Il clima mite del lago prolunga l'estate e rende sopportabile l'autunno che mostra colori vivissimi nel fitto mosaico di boschi e di campi.

I confini di Caldonazzo sono vasti anche se l'entroterra è chiuso ben presto dai monti che scendono a ridosso del paese. Il limite territoriale scende dal ciglione della collina di Brenta fino alla località Costa, circa all'altezza del cavalcavia stradale, va a toccare le Lochere e sale la val Scura fino all'albergo Monterovere; ridiscende sfiorando la località Laghetto, sale verso lo spigolo del Monte Cimone e piega in giù lungo la Val Carretta toccando il vecchio mulino Gotto, sul fondo della val del Centa; sale ancora una volta verso i Campregheri e va a finire sul Lago dopo aver attraversato il monte delle Rive.

Il torrente di Caldonazzo è il Centa che nasce dalla confluenza di piccoli ruscelli, lungo i pendii della Vigolana. L'acqua scende allo scoperto senza incontrare niente altro. Assieme al Centa, si possono ricordare il rio Bianco e il rio Costa. La fauna ittica dei tre corsi d'acqua è limitata alla trota farlo (nel Centa anche la iridea) che viene alimentata periodicamente con semine.

Notizie tratte in gran parte da: Il lago di Caldonazzo. Antonio Cembran, Sandra Tafner, Flavio Faganello. Manfrini, 1974